Il terzo gradino dell’autostima

feb
2011
04

scritto da on autostima, esercizi, Felicità, Guarire

2 commenti

Se avete completato i primi due passi verso l’autostima eccovi il terzo: guarigione.

Non è un passo opzionale e nemmeno è come quegl’altri due in cui vi ho presentato semplici esercizi. È un percorso, più o meno lungo in base a quanto si è “accumulato” durante la vita.

Dal momento del concepimento fino alla nascita e dall’infanzia fino a questo punto della vita, subiamo vari tipi di shock e traumi facendo sì che l’anima rimanga bloccata in certi episodi nel tempo.

Una persona può essere, emozionalmente bloccata, che ne sia conscia o meno.

Siamo tutti in un percorso di guarigione e in questi tempi ci sono tecniche di guarigione per tutti i gusti. Ognuna ha il suo valore ma, secondo me un vale l’altra. La differenza non sta nella tecnica ma nel fatto di portarla avanti, di andare fino in fondo, di “spremere” tutto quello che si può da una tecnica.

Se invece, si salta da una tecnica all’altra, senza approfondire, si corre il rischio di sapere un po’ di tutto ma di avere pochi benefici reali. Di essere superficiali e di rimanere anche nella superficie dei propri traumi e dolori. Certo, dipende perché si studia una tecnica di guarigione. Se è per pura curiosità intellettuale o per ottenere una vera e profonda guarigione.

Quindi, il terzo passo, (molto impegnativo) è quello di scegliere una tecnica e di usarla costantemente finché si riescono a recuperare i tasselli perduti del proprio cuore e della propria anima.

Buon viaggio, Meravigliose Creature,

Felicia 

Sii generoso, condivi con gli altri questo articolo!

2 commenti

  1. Antonella
  2. Felicia

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento